Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
22
Nov
al
 
29
Nov
Adulti
 
Bambini
 
Prenota

Uno sguardo al menù della Terrazza del Boff: gli spaghetti al pomodoro

Il binomio spaghetti-pomodoro è considerato il fondamento della cucina italiana, vero e proprio simbolo del Made in Italy. Quando si pensa alla gastronomia italiana, infatti, la pasta domina l’immaginario collettivo e si presenta come l’esempio più classico della tradizione culinaria mediterranea. Ma quand’è che lo spaghetto si è unito al pomodoro? 

Mentre la pasta è un alimento antichissimo che risale addirittura agli Etruschi, il matrimonio con la salsa di pomodoro è molto più recente, precisamente all’inizio del diciannovesimo secolo. La prima ricetta che troviamo di questo piatto è tratta dal libro di cucina pubblicato nel 1839 e firmato da Ippolito Cavalcanti, famoso nobile e buongustaio partenopeo. È questa, seppur con mille moderne variazioni, la ricetta che ha attraversato i secoli ed è arrivata fino ai nostri giorni, diffusa in tutto il mondo. 


Spaghetti al pomodoro: un piatto storico del Boffenigo

Alla Terrazza del Boff gli spaghetti al pomodoro rappresentano un piatto sempre presente nel menù, un classico intramontabile. Semplice, ma raffinatissimo e ricco di gusto. Come lo prepara il nostro Chef?

Ecco la sua rivisitazione: 
 
Come pasta stiamo usando lo spaghettone del pastificio Mancini, mentre come pomodoro un pelato del Salento. Per preparare la salsa tagliamo a julienne una cipolla per latta di pomodoro, assieme a uno spicchio di aglio senza anima. Mentre la cipolla cuoce fino a diventare dorata, apriamo la latta di pomodoro e andiamo a schiacciare i pelati, così facciamo uscire tutta l’acqua presente al loro interno.

Dopo aver messo i pelati assieme alla cipolla, aggiungiamo abbondante basilico e un pizzico di sale lasciando cuocere il tutto per circa due ore a fuoco basso. A fine cottura frulliamo e passiamo al setaccio il pomodoro per renderlo salsa e ne aggiustiamo il sapore. 
Questo è un piatto molto semplice ma se fatto bene e con buoni prodotti ricercati la differenza si sente subito rispetto ad altre salse! Dopo aver cotto gli spaghetti e averli saltati nella salsa, li mettiamo nel piatto accompagnati da una foglia di basilico e un pomodorino confit.


Non perdere i prossimi appuntamenti con il nostro magazine: troverai ricette di piatti locali, gli eventi dell’estate, le esperienze migliori sul Lago di Garda e dintorni, le bellezze della natura e la storia della cultura enogastronomica italiana.  
 
 
 
Newsletter
Info e News
 
Iscriviti