Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
17
Giu
al
 
24
Giu
Adulti
 
Bambini
 
Prenota

Parliamo di vino con Greta, la sommelier della B-Family

Si dice che il vino sia la poesia della terra e la più sana delle bevande, o che una bottiglia contenga più filosofia di tutti i libri del mondo. Vero o no, il vino è certamente qualcosa di speciale nella cultura di ogni popolo, soprattutto in Italia e se degustato in compagnia. L’abbinamento con il cibo poi, ne esalta ancora di più il sapore, una vera arte che al Boffenigo è affidata alla professionalità di Greta.   

Persona sensibile, molto collaborativa e dotata di grande calma, Greta è la sommelier della B-Family, quindi si occupa di consigliare e raccontare i vini della Terrazza del Boff ai nostri ospiti.
Abbinare il giusto vino a ogni piatto è un compito delicato e una passione che Greta porta avanti ogni giorno con amore e maestria. Le abbiamo fatto qualche domanda per conoscerla meglio e scoprire alcuni segreti del suo mestiere. 

Com’è nata la passione per il vino?
La passione per il vino è nata durante un’esperienza lavorativa in un ristorante di medio/alto livello che disponeva di 700 etichette tra cui ne conoscevo pochissime. Incuriosita da questo mondo ho cominciato il corso per sommelier. Con tanti sacrifici e impegno alla fine sono riuscita a diventarlo! Non smetterò mai di ringraziare un mio ex collega che mi ha trasmesso questa passione di cui ora non posso fare a meno!

Qual è l’abbinamento ideale vino-piatto?
Difficile trovare un abbinamento ideale in assoluto. Esso è frutto di prove, ricerche, dedizione e tempo. Quando il piatto si sposa con il vino riuscendo a esprimere tutti i suoi sapori ma senza invadere o sovrastare l’altro, allora l’abbinamento risulta perfetto!

Hai qualche aneddoto divertente che merita di essere raccontato?
Ricordo sempre con il sorriso la mia prima sboccatura davanti a un cliente. Si parla di un vino spumante a cui non si erano ancora tolti i lieviti residui in cantina (è progettato appositamente perché venga eseguito davanti al cliente). Purtroppo i miei calcoli non erano stati del tutto perfetti e mi sono completamente lavata dalla testa ai piedi! Ovviamente il cliente era incredulo... ma ci siamo fatti una bella risata!

I vini top 5 secondo Greta
Difficile stilare una lista, ogni vino ha una storia da raccontare. Adoro i vini eleganti e strutturati. Ho un debole per i vini trentini, in particolar modo i pinot neri. Mi piacciono molto le bollicine trentine, ma non voglio escludere il Veneto con la nostra amata Valpolicella!
Anche il Friuli ha moltissime chicche, soprattutto fra i vini bianchi come il Friulano o la Ribolla Gialla. E se devo nominare il sud, beh il Nerello Mascalese tutta la vita!

Ogni sommelier ha un vino preferito, qual è il tuo?
Potrei scrivere un libro sui miei vini preferiti, ma se devo scegliere per forza direi il Riesling. Un vino di grande carattere (come me!), una marcata freschezza e acidità. Un vino dai sapori che sorprenderanno sempre, più passa il tempo e più ti stupisce.


Grazie mille Greta per averci portato nel tuo mondo!
Ma il viaggio nell’enogastronomia è appena cominciato: non perdete i prossimi appuntamenti estivi del nostro magazine sul linguaggio del vino e il suo rapporto con il cibo


"Il suono morbido di un sughero che viene stappato dalla bottiglia ha il suono di un uomo che sta aprendo il suo cuore."
William S. Benwell
 
 
 
Newsletter
Info e News
 
Iscriviti