Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
17
Set
al
 
24
Set
Adulti
 
Bambini
 
Prenota

La Terrazza del Boff presenta: intervista al Sous Chef Marco!

Immaginate una terrazza panoramica, immersa nella natura e con vista sul Lago di Garda. Il tramonto del sole che si riflette sull’acqua, le dolci colline che abbracciano il paesaggio e il profumo della cucina mediterranea che vi delizia.
Tutto questo non è solo nella vostra fantasia: stiamo parlando de “La Terrazza del Boff”, il ristorante dell’Hotel Boffenigo e il luogo in cui l’amore per il buono e per il bello si incontrano. 

Qui creatività e spirito di innovazione sono gli elementi chiave di una filosofia gastronomica che reinterpreta la tradizione della cucina italiana con un mix di ingegno e armonia di sapori. La ricerca delle materie prime di qualità e dei migliori ingredienti a chilometro zero è una parte fondamentale del lavoro di Marco, il nostro Sous Chef. 

Abbiamo fatto due chiacchiere con lui per scoprire alcuni segreti del suo mestiere e della sua personalità! 
 

Il tratto principale del tuo carattere
Serio, calmo, mi preoccupo sempre per gli altri e poco di me stesso. 

Cosa ami del tuo lavoro

La soddisfazione di accontentare le persone, in più la cucina mi aiuta tanto a sfogarmi.

Cosa non ti piace del tuo lavoro
In particolare direi niente. Forse le tante ore, ma il nostro lavoro è questo e ci vuole pazienza!  

Cosa apprezzi di più nei tuoi collaboratori
Che ci aiutiamo a vicenda e sappiamo andare d’accordo. 

Il difetto che non sopporti negli altri
Quando sono troppo egocentrici e quando sono troppo lenti. 

Il tuo principale difetto
Forse a volte sono un po’ frettoloso e faccio fatica a guardare negli occhi le persone quando parlo. 

Il tuo hobby preferito
Raccogliere funghi.

Se non facessi la mansione che hai, che ruolo vorresti ricoprire nella struttura
Manutentore, magari insieme a Franco! 

L’ambiente che preferisci di più nella struttura dove lavori
Senza dubbio la cucina.

Il momento più bello della tua giornata lavorativa
Il momento del servizio: ti sale un po’ l’ansia, ma è la cosa più bella. 

Se il tuo lavoro fosse un film, che film sarebbe
Forrest Gump, perché quando sembra che sia tutto tranquillo bisogna sempre correre.

Se il tuo lavoro fosse un piatto, che piatto sarebbe
Un bello spaghetto alla carbonara, che se fatto bene è tanta roba! 

Il tuo sogno nel cassetto
Aprire un ristorante tutto mio un giorno… 

Cosa noti come prima cosa quando entri in un hotel
L’accoglienza, da lì si capisce il livello dell’hotel.

Il servizio che non deve mancare in un hotel per renderti un cliente soddisfatto
La cortesia.

Il Paese dove vorresti vivere
America del Nord, Lago Michigan.

Lavorare con te è…
Potersi fidare, aiutarsi a vicenda, scambio reciproco. Quando c’è bisogno mi faccio in quattro pur di riuscire a fare quello che si deve fare. 

Se non avessi scelto questa professione, cosa avresti fatto
Avrei scelto sempre e comunque questo lavoro! 

Le qualità essenziali per svolgere il tuo lavoro
Voglia di imparare, mettersi in gioco e saper ascoltare.

Cosa diresti a un giovane che vuole intraprendere la tua professione
È un lavoro molto duro ma che dà tante soddisfazioni.

Cosa ti aspetti dall’hotel in cui lavori
Serietà, collaborazione, clima tranquillo e non ostile. 

Ti svegli a novant’anni e…
Vivo alla giornata guardando la famiglia che ho costruito! 

Il tuo motto
Quando credi in te stesso, e ti rimbocchi le maniche, né orsi né lupi ti possono abbattere (detto del nonno).
 
 
 
Newsletter
Info e News
 
Iscriviti